La signora Veronica S. aveva i suoi riti. Si svegliava alle sei e si faceva una caffettiera da tre tazze. La beveva tutta in una tazza grande. Poi usciva nel suo giardino. Veniva presa dallo sconforto per le erbacce che crescevano ovunque. Si fermava a carezzare i tronchi degli alberi da frutta. Ammirava le ragnatele. … Leggi tutto